Pubblicità



 

 

 

 

Correre nel deserto

"Correre nel deserto", di Barry Lewis, Collana Centopelli n. 28, Neri Editore, Firenze 1999, 64 pagine, Prezzo 5,16 Euro

Correre nel deserto rappresenta oggi l'ultima "grande frontiera" del podista - atleta di un certo livello o semplice scarpinatore - e questa vera e propria avventura affrontata a costo di sacrifici in quello straordinario ambiente naturale che è il deserto ha sostituito nei sogni del corridore l'altrettanto difficile prova della centochilometri o delle ultramaratone in genere, ormai sentite, per così dire, "alla portata di tutti". Sempre più amatori si avvicinano infatti al deserto ed alla formula della corsa-avventura partecipando alle varie manifestazioni che vengono ogni anno allestite da organizzazioni italiane o straniere, al solo scopo di potersi confrontare soprattutto con se stessi, senza velleità di classifica. La prima e più importante di queste gare "su sabbia" è senza dubbio l'affascinante "Marathon des Sables" che si disputa ogni anno nel deserto del Marocco e che vede ai nastri di partenza, edizione dopo edizione, un numero sempre maggiore di concorrenti. E proprio alla "Marathon des Sables" che può vantare la meritata fama di "corsa più dura del mondo", è dedicato questo volume, opera del canadese Barry Lewis - l'autore di "Running the TransAmerica Footrace" (il libro che tratta della corsa a piedi più lunga del mondo, quella da costa a costa degli Stati Uniti) - che è in pratica un diario della sua esperienza incredibile nel deserto del Sahara come partecipante alla maratona delle sabbie. La pubblicazione offre inoltre una formula inedita di "libro più pagina elettronica" segnalando all'interno un indirizzo Internet presso il quale vengono messi a disposizione di ciascun lettore i diari di corsa dei concorrenti italiani alle varie edizioni della "Marathon des Sables", tutti i collegamenti per webpage di corse nel deserto, indirizzi ed aggiornamenti in tempo reale per chi voglia provare l'esperienza di correre nel deserto. Questo ventottesimo appuntamento con gli agili volumi della Collana Centopelli è insomma un racconto, pieno di curiosità e consigli, che - affiancato ad un capitolo di interviste agli atleti italiani ed accompagnato da splendide immagini - non mancherà di affascinare non solo chi sogna di correre nel deserto, magari per prendere parte proprio a questa massacrante manifestazione, ma anche chi... non ci pensa affatto!

Indice del volume

Introduzione all'opera; La corsa più dura del mondo; Prologo alla maratona delle sabbie; Comincia l'avventura; Ritorno alla realtà; Il giorno più lungo; Dulcis in fundo; Epilogo; Appendice 1: prepararsi alla gara; Essere in forma; Il limite mentale; L'equipaggiamento essenziale; Il lato psicologico; Appendice 2: le impressioni dei concorrenti italiani; Sei appena tornato a casa ed il deserto già ti manca; Nel deserto la natura è vergine...; Io corro per l'Unicef; Dopo un po' che corri ti sembra...; Non dico che farei l'amore con il deserto ma...; Il deserto io lo considero un buon amico...; C'ero anch'io fra quei pazzi a correre nel deserto; Il silenzio è un qualcosa che ti trasmette delle vibrazioni; Vincere non vuol dire arrivare primi ma...; Appendice 3: le penalità della Marathon des Sables; Appendice 4: la toponomastica del deserto.

Aggiornamenti in tempo reale

 Correre nel deserto - Correre nel deserto rappresenta oggi l'ultima "grande frontiera" del podista che affronta questa vera e propria avventura per potersi confrontare soprattutto con se stesso, in un ambiente incontaminato, senza velleitÓ di classifica.



Since September 1976 - © Aerostato, Seattle - All Rights Reserved.