Pubblicità


 

 

Non era destino

Ieri mi sono fregato. Nick fuori!

Avrei dovuto correre la mattina... ma sono andato all'assemblea del gruppo alpini di cui faccio parte (no, niente vino, solo assemblea di fine anno e beneficenza).

"Vabbè correrò prima di pranzo..."

Alle 11:45 la mia Lazza mi dice che saremo a pranzo dalla suocera.

"Vabbè correrò nel pomeriggio..."

Così dopo un paio di prosecchini al circolo (roba poco più che una gazzosa con un po' di alcol) parto e mi scofano le succulente lasagne della suocera. Ma poi il suocero non mi va a stappare la grappa?!? Si, quella del suo amico, poi quella dell'altro amico, poi quella "regalo di natale" e quella mia, dell'ultimo anno, che non buona e si sente, poi quella "nostra" che ne avanzata poca poca... poi quella... ed a volte davvero dura capirne di grappe!!!

"Vabbè corerò primha di scena..."

Alle 18:45, prima di rientrare al paesello, veniamo invitati da mia cognata. Cazzarola dirò mica di no? Poi Fabio fa una pizza stratosferica. Sono così maleducato? Boia mondo, no! Si va!!!

"Vabbè corerò dofo scena..."

La bimba gioca assai coi cugini (grandicelli in verit), le donne parlano e... mio cognato stappa la grappa. Ancora grappa! No!!! O si. Dai, poca, tanto che si assaggiucchia ancora. Dopo tutto ne ho bevuta gi e che vuoi che sia quel bicchierino in più? Una congiura contoro i miei cento giorni di corsa. Pappa, pappa, pappa ed un salame di cavallo stagionato da far convertir un vegano... Per te lo devo dire, amico: tenere un bar con liquori anche buoni se non si beve non bello. Tu penserai che quando viene a trovarti qualcuno che beve un poco, potrai offrirgli qualcosa ed esser educato. Non cos se non ci stai un po' dietro: uno che tazza si accorge subito che il tuo bar "finto". L'Oro Pilla del 1965 non un distillato, un prodotto per la pulizia della casa. Mentre quella patina bianca sul liquore al gianduia mi significa ormai che di alcol lì dentro ce n' meno della muffa. E poi il limoncello... non manca mai, stucchevole ed acido, appiccicoso, il peggiore dei liquori mai inventati. Ma la cortesia dovuta e si deve comunque assecondare la mano di chi offre affinché non perda la bella abitudine, soprattutto se ti ha appena servito un calzone soffice soffice strabordante di mozzarella.

"Vabbè... chamminerò dofho cena 'pena harrivviamo a cashcia..."

Alle 21 siamo gi a casa. Non pensate male, la patente non l'ha rischiata la mia dolce met. Piroettando in camera come Nureyev al suono di "Save the last dance for me" di Bubl, metto a nanna la bimba; sculettando come uno struzzo in calore mi ficco la tuta da corsa e le Asics a ritmo di "Hoi", pronto per fare trenta minuti di "camminata rapida sbandata ciucca". Galeotta la danza sexy.

Non era destino, da domani riparto da zero con la cento giorni, che non mica che mi sia passata la voglia...

Nick



Since September 1976 - © Aerostato, Seattle - All Rights Reserved.